La nostra storia

“L’intero scopo del nostro scautismo è di entrare in contatto con l’animo del ragazzo nell’età in cui è ardente di entusiasmo e di modellarlo nella giusta forma, incoraggiandolo a sviluppare la propria personalità, in modo che egli sappia educarsi da sé a divenire un uomo retto ed un cittadino valido per il suo Paese”

L’intuizione di Sir Robert Baden-Powell (familiarmente noto tra gli scout come “B.P.”), il fondatore dello scoutismo, è molto semplice: osservare il ragazzo per coglierne i desideri e le attese profonde, fare leva sulle sue capacità e qualità ed offrirgli  occasioni stimolanti in grado di valorizzarle.

Educare non significa inculcare valori, idee, comportamenti bensì favorire l’auto-educazione, aiutando il giovane a “tirare fuori” il positivo che ha in sé, in un contesto di esperienze vissute liberamente e con piacere, insieme ad altri amici suoi pari, guidato da un adulto educatore (il “capo”) inteso come “fratello maggiore”, più che un maestro, il quale deve dare fiducia agli scouts, prima ancora di poterla meritare da loro.

Il gruppo scout diventa così un ambiente educativo gioioso e stimolante, capace di formare il carattere e la personalità degli adolescenti, inducendo in loro una seria auto-disciplina, il senso del dovere e della lealtà, la cura e il rispetto della propria persona e degli altri, l’amore per la libertà e per la natura, la capacità di assumersi le proprie responsabilità nonché la disponibilità di aiutare gli altri con generosità e spirito di servizio.

La proposta dello scautismo è più che mai valida ed efficace nell’epoca contemporanea.

L’Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani (A.G.E.S.C.I.) offre ai giovani italiani l’esperienza educativa dello scautismo, con un’esplicita impostazione cristiana.

A Casorzo, paese del vino “Malvasia”, sulle colline nel cuore del Monferrato – oggi patrimonio dell’umanità – in provincia di Asti, il locale Gruppo nacque nell’anno 1997 per opera di alcuni volenterosi pionieri capi scout, alcuni dei quali ancora in servizio: oggi è una realtà viva e importante nel territorio scautistico della regione Piemonte.

L’attività annuale del Gruppo corrisponde con il periodo scolastico (da settembre a giugno) e si conclude con il “campo estivo”  (a luglio/agosto) e la “route” estiva per il clan, eventi importanti, culmine dell’attività di ogni branca.